ACCADEMIA DELLE BELLE ARTI

– Accademia

insegnami ad indugiare,

rivolgiti a me come ad un re.

Accademia

dalle sviste multiple,

con un cieco come esempio,

come i fiori del male.

Accademia

arte ed insegnamento,

colori persi nella notte.

Poi il respiro

affannoso,

il tacito assenso

ad andar via,

al rischiarar del cielo

e poi un mutamento improvviso.

Poi l’infanzia,

un traghetto su e giù

per la manica scolorita.

Poi le auto che si muovono,

smemorato non colgo il segnale.

Poi la frenesia, si muove

illogica,

poi la tesi

piena di colore. –

ACCADEMIA DELLE BELLE ARTIultima modifica: 2009-03-11T15:01:54+01:00da lorenzo.08
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento