Come il vento sulla schiena. ipotesi sulla perfezione

– scritta senza pensare a niente di preciso, ma precisando ciò l’immaginazione del poeta definisce la perfezione

non cercatela,

non esiste,

afferratela

se il cuore nega tale definizione,

ma una mente sveglia

conosce la verità

e un sonno prolungato

è lunico inganno indigesto

che la può fregare.

– e quando il vento

accarezzando la schiena scoperta

della donna dai fili d’acciaio

su per il cielo un lamento

poi un sospiro

e la resa del tempo

l’avea ormai persa quel dio maldestro

che impiantando un seme così perfetto

in terra desolata

la mise alla mercere di uomini incapaci

d’osservarla a pieno

e di decifrerne gli sguardi,

e se lei, lì sta, perfetta dalla sua creazione inumana

una bellezza che travolge e ti porta alla deriva,

e come il sole, non puoi stare lì a guardarla

per troppo tempo, per divenir cieco,

ma se ancora puoi vedere

l’acuta perfezione del divino,

allora, il suo riflesso potrai osservare

cauto e accorto dal tuo cuscino,

perchè se tu infante dagli anni del non maturare,

lei già donna si fece

al primo vagito,

ma con questo

mio caro lettore non ti voglio scoraggiare,

solo che tale donna

non so dove tu possa trovare.-

Come il vento sulla schiena. ipotesi sulla perfezioneultima modifica: 2009-02-05T17:42:00+01:00da lorenzo.08
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento